Cos’è l’Oasi?

Il Movimento Luce-Vita è uno dei movimenti di rinnovamento della Chiesa cattolica. Ha le sue radici nell’insegnamento del Concilio Vaticano II ed è stato approvato dai vescovi. Il Movimento riunisce persone di diverse età e vocazioni: bambini, adolescenti, adulti, famiglie, sacerdoti, religiosi e membri di istituti laici di vita consacrata. Il ramo familiare del Movimento, per i matrimoni sacramentali, si chiama Chiesa Domestica.

Il Movimento Luce-Vita è finalizzato alla formazione di cristiani maturi che vogliono servire la Chiesa e il prossimo. Il fondatore del Movimento, Venerabile Servo di Dio, p. Francis Blachnicki (1921-1987) ha instillato nei suoi seguaci la visione di una parrocchia come comunità viva di comunità e la convinzione che il rinnovamento della Chiesa inizia in una parrocchia. Così i gruppi di formazione ai vari livelli vogliono aiutare a trasformare le parrocchie in comunità vive.

Il simbolo del Movimento Luce-Vita è un simbolo paleocristiano ΦΩΣ-ΖΩΗ (leggi fos-zoe). Sono parole greche ‘luce’ e ‘vita’ unite alla lettera omega e formando una croce. Questo simbolo illustra il principio più fondamentale della vita cristiana: l’unità della fede e della vita.

La spiritualità del Movimento Luce-Vita è stata espressa in The Guideposts of the New Man. Il programma di formazione è al centro del Movimento e si basa sul documento “Rito dell’iniziazione cristiana degli adulti” (Ordo Initiationis Christianae Adultorum). Ci sono tre fasi per la formazione. La prima è l’evangelizzazione che porta a ricevere e ad accogliere Gesù Cristo come proprio Signore e Salvatore, una decisione consapevole di seguirlo e di vivere secondo la sua legge. Il secondo stadio è chiamato deuterocatecumenato. Il prefisso “deutero” comunica che questa formazione è modellata e utilizza elementi del catecumenato, il periodo di preparazione al battesimo. La terza tappa della formazione, descritta dalla parola greca diakonia, è la scelta di uno specifico servizio e apostolato.

I metodi fondamentali attraverso i quali si realizza il programma formativo del Movimento Luce-Vita sono: “il metodo luce-vita” sopra descritto (permea tutti gli altri elementi della formazione), ritiri detti “oasi” e piccoli gruppi di formazione. La struttura del Movimento è compatibile con la struttura della Chiesa. Piccoli gruppi di membri del Movimento di solito formano una comunità in una parrocchia. Quattro volte l’anno i membri del movimento partecipano alle cosiddette giornate di comunione che radunano persone appartenenti a vari rami del movimento provenienti da diverse parrocchie o addirittura dall’intera diocesi.

I sacerdoti servono il Movimento come moderatori. Sono responsabili della formazione spirituale dei membri del Movimento e dell’unità con la Chiesa. Chi discerne un livello più profondo di appartenenza al Movimento e al suo carisma aderisce all’Unione dei Sacerdoti di Cristo Servo. Responsabile di tutto il Movimento è il Moderatore Generale del Movimento Luce-Vita. A livello di Stato, diocesi e parrocchia i responsabili sono rispettivamente moderatori statali, diocesani e parrocchiali.

La storia del Movimento risale al primo ritiro oasi organizzato nel 1954. Fino al 1976, il movimento era conosciuto con i nomi Il Movimento Oasi e Il Movimento della Chiesa Vivente. Il Movimento Luce-Vita è stato fondato e sviluppato in Polonia ma si è già diffuso in altri paesi: Slovacchia, Repubblica Ceca, Germania, Bielorussia, Lettonia, Ucraina, Gran Bretagna, Irlanda, Canada, USA, Kenya, Tanzania, Ruanda, Cina e Brasile. Ci sono anche piccoli gruppi o comunità in Norvegia, Svezia, Grecia, Francia, Belgio, Lussemburgo, Bulgaria e Filippine.

Domande importanti

L’esistenza umana può essere ridotta a processi biologici e spesso si vede un tale atteggiamento nel mondo contemporaneo. Tuttavia, è anche possibile fare della vita umana un percorso per scoprire un mistero, per trovare risposte a domande importanti come: chi ha chiamato le persone ad esistere qui e perché? Una persona è un essere indipendente o è una parte importante di una totalità più grande o, forse, la vita inizia per caso e non va da nessuna parte?

Un cristiano cercherà risposte a queste domande fondamentali nella Bibbia. Leggiamo la spiegazione dell’esistenza dell’uomo alla luce della verità rivelata già nel primo libro dell’Antico Testamento. L’uomo è qui presentato come un’opera unica di Dio, la corona della Creazione, a cui Dio affida la terra che ha fatto e le sue ricchezze. La Luce che illumina l’inizio della terra e l’inizio dell’umanità ci permette anche di scoprire una certa verità su Dio. Il nostro Creatore agisce secondo un disegno in cui ha incorporato l’uomo a sua immagine e somiglianza. Per questa insolita somiglianza con Dio l’uomo è chiamato alla fede, all’amore e alla vita eterna. Questa chiamata può essere messa in pratica in molti modi diversi. Tuttavia, prima o poi, e indipendentemente dal percorso scelto, incontriamo delle difficoltà. A volte una mancanza di fede, troppo poco amore, mancanza di speranza o qualche altro problema ci impedisce di comprendere e realizzare l’intenzione di Dio.

Le difficoltà sono un elemento inseparabile della vita umana, anche spirituale. La debolezza umana deriva dalla prima scelta libera che l’uomo ha fatto quando ha dovuto scegliere tra l’obbedienza a Dio e il desiderio di essere come Lui. Quando i primi uomini raggiunsero il frutto dell’albero che cresceva in mezzo all’Eden, scelsero la via di comportamento suggerita da Satana e si rassegnarono consapevolmente alla possibilità di celebrare la propria vita secondo il disegno di Dio Creatore. Quel primo atto di libero arbitrio, così lontano dall’intenzione con cui Dio ha creato il mondo e le persone, è diventato un peso per le generazioni successive che continuano a fare scelte sbagliate. Tuttavia una cattiva scelta non significa che chi sceglie sia cattivo. “Dio vide tutto ciò che aveva fatto, ed era molto buono” (Gen 1,31), quindi anche l’uomo deve essere buono. Probabilmente è per questo che così tante persone continuano a cercare Dio e cercano di realizzare il Suo piano secondo le loro capacità.

Ogni persona può raccontare la propria storia descrivendo quanto sia difficile e ognuna di queste storie sarebbe vera. Tuttavia, la pienezza della verità (e allo stesso tempo la pienezza della difficoltà) si rivelerà quando tutte queste storie separate cominceranno a unirsi, proprio come tutti gli elementi separati del piano di Dio si uniscono in una creazione piena e perfetta. Una comunità come luogo di ricerca di Dio e di rafforzamento della fede, una comunità unita da un Amore eccezionale, rende possibile dividere i dolori e moltiplicare le gioie. Grazie alla comunità si ottiene ancora di più, perché «dove due o tre si incontrano nel mio nome, io sarò con loro» (Mt 18,20). Gesù Cristo che è la Potenza e l’Amore, il Re e il Servo, il Signore e il Salvatore, viene nella comunità ma aspetta di essere invitato alla vita di ciascuno individualmente. Grazie a tale invito, che deve essere un atto di libera volontà, Dio Uomo conduce coloro che si affidano a Lui direttamente a Dio Padre, che attende i Suoi figli dal momento di quella prima scelta sbagliata. Per ogni cristiano la vita comincia in Lui e mira a Lui.